Tutti in bicicletta a Ferrara

Tutti in bicicletta a Ferrara

La città delle biciclette

Ferrara, capitale del Rinascimento a due passi dal Po, è indissolubilmente legata alla cultura delle due ruote, è un città dove i ciclisti regnano padroni delle strade. Qui i turisti possono usufruire di biciclette gratuite presso gli alberghi oppure possono affittarle nei numerosi noleggi. Il modo migliore per visitare la città e i suoi dintorni è sicuramente il mezzo a due ruote: ecologico, tranquillo e adattabile ad ogni esigenza, dona al turista un senso di libertà impagabile. L'intero territorio della provincia di Ferrara è segnato da una formidabile rete di percorsi cicloturistici che si snodano tra la città e le campagne, tra oasi protette e borghi di pianura, dove si avvicendano tradizioni, paesaggi e profumi diversi ma tutti uniti dalla presenza dell'acqua. La pedalata è agevolata da un paesaggio orizzontale, privo di altitudini, interrotto solo dalla verticalità di torri merlate, alberi maestosi o possenti argini.

I percorsi cicloturistici ferraresi non sono semplici itinerari, ma veri e propri viaggi che permettono di comprendere la città e il territorio, il loro passato e il loro presente, nell’intento di narrarne le storie e le diverse anime. Perché pedalare in provincia di Ferrara diventi un'esperienza memorabile.

Destra Po: 132 km tra natura, storia e letteratura

Il percorso cicloturistico Destra Po (FE 20) è lo straordinario itinerario che accompagna il Grande Fiume nella sua ricerca del mare, da Stellata di Bondeno, al margine occidentale della provincia di Ferrara, fino a Gorino Ferrarese, nel cuore del Delta. Il percorso, per la maggior parte vietato alle auto, è adatto a tutti, adulti e bambini, per la caratteristica andatura pianeggiante. Da Stellata, dopo circa sei chilometri di percorrenza costeggiando il Po, si prosegue seguendo il corso del Panaro e tra verdi golene boscate si giunge a Bondeno, dalle ricche tradizioni gastronomiche valorizzate con numerose iniziative e dove i manufatti idraulici testimoniano una storia di continua lotta con le alluvioni. Il percorso ritorna poi sull’argine destro del Po e arriva a Pontelagoscuro, a 7 km da Ferrara. Superata l’Oasi dell’Isola Bianca, una formazione sabbiosa che emerge nel letto del Po e ospita una variegata colonia di uccelli, si raggiunge Francolino, un tempo porto commerciale di rilievo, citato anche da Ludovico Ariosto. Dopo altre stazioni intermedie, come Fossadalbero e Zocca, ecco Ro Ferrarese. Superato Ro Ferrarese, la pista ciclabile segue sempre l’argine del Po e attraversa le terre della Grande Bonifica Ferrarese che si estendono a sud di Berra. Qui il paesaggio possiede un fascino magnetico dovuto all’immensità degli spazi agricoli, scandita soltanto dalle perfette geometrie della rete di canalizzazione e da quella viaria. A Serravalle il percorso abbandona il ramo del Po di Venezia e segue il Po di Goro, costeggiando poi Mesola con il superbo Castello Estense di epoca tardorinascimentale; ancora oltre, si giunge fino a Gorino Ferrarese, dove il fiume incontra il mare.

Oltre l'argine del Po

Dalle Mura di Ferrara alla Destra Po – km 17 Il percorso permette di visitare le suggestive Mura della città: un miracoloso connubio di bellezza monumentale e funzionalità bellica. Comodi percorsi attrezzati e ciclabili sulla sommità o alla base della cinta fortificata consentono di passeggiare tra il rosso delle pietre e il verde delle essenze locali, quali il tiglio, il platano, l’ippocastano, la quercia, l’acacia, intervallate da siepi di tasso, edera e bosso. Al termine del giro, si potrà poi proseguire sulla ciclabile verso il Po, immergendosi nella campagna che abbraccia Ferrara fino a raggiungere l’argine destro del fiume e il percorso cicloturistico Destra Po. Percorso circolare Burana-Destra Po – km 51 Partenza da Ferrara e direzione verso Vigarano Pieve lungo la sponda del Canale Burana fino a Bondeno. La pista ciclabile corre tra filari di pioppi, in un paesaggio gradevole e sereno nel quale è possibile pedalare in scioltezza e senza alcuno sforzo. Da qui si segue il percorso Destra Po fino a Pontelagoscuro, da dove si ritorna a Ferrara attraverso il Parco Urbano Giorgio Bassani. Dalla Destra Po a Ro Ferrarese a Copparo – km 17 Il percorso parte dal Po, si snoda tra Ro Ferrarese e Copparo e consente di immergersi nell’atmosfera della civiltà contadina, magnificata dal celebre scrittore Riccardo Bacchelli nel suo Il mulino del Po. Proprio nell’area golenale di Ro rivive oggi uno degli antichi mulini fluviali che oltre cent’anni fa erano numerosi sul Grande Fiume. Dalla Destra Po all’Abbazia di Pomposa – km 34 Da Gorino Ferrarese, ultima tappa del percorso cicloturistico Destra Po, al celebre monastero benedettino: l’itinerario riveste un grande interesse storico artistico e naturalistico. Il complesso abbaziale di Pomposa, faro spirituale nel Delta fin dal VII secolo, è una eccezionale testimonianza della bellezza e della spiritualità medievale: all’esterno sono straordinarie le decorazioni della facciata gotico-bizantina; all’interno, il mosaico pavimentale e i cicli di affreschi trecenteschi di scuola bolognese.

Dalle Alpi alla pianura. Da Bolzano a Ferrara km 313

Un viaggio in bicicletta da nord a sud alla scoperta della ricchezza e della varietà del panorama naturalistico, culturale e paesaggistico italiano. Bolzano e Ferrara sono unite da un lungo itinerario ciclabile che comprende in parte il percorso della Ciclopista del Sole. L’itinerario cicloturistico tocca quattro regioni: Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna Il percorso scende dalla magica conca di Bolzano, immersa in vigneti e boschi nel cuore della regione dolomitica dell’Alto Adige, tocca la città di Trento, attraversa borghi medioevali, costeggia il Lago di Garda; segue il fiume Mincio, poi, superata Mantova, affianca il Po fino ad arrivare a Ferrara, città delle biciclette. È possibile alternare per alcuni tratti il treno alla bicicletta.

Da Chioggia a Ferrara e Ravenna. 643 km in 10 tappe

Un itinerario lungo la costa adriatica settentrionale, tra la natura incontaminata del Parco del Delta del Po e le splendide espressioni artistiche di Ferrara e Ravenna, passando per deliziose cittadine come Chioggia, Comacchio, Cervia e Mesola Chioggia – Porto Levante km 38 Porto Levante – Mesola km 74 Mesola – Ferrara km 77 Da Mesola si può intraprendere un affascinante percorso che si inoltra nelle atmosfere rarefatte e sublimi della campagna dell’Alto Ferrarese: presso Jolanda di Savoia si incontra l’Oasi dei Bacini dello Zuccherificio, mentre poco oltre si può visitare Tresigallo, piccola capitale del razionalismo italiano. Si prosegue poi risalendo il corso del Po di Volano, fino ad arrivare alle porte della città estense. Ferrara – Argenta km 50 L’itinerario si inoltra nella zona sud di Ferrara lungo il Po di Primaro, offrendo una piacevole infilata di piccoli borghi, come Gaibanella, Sant’Egidio, Monestirolo, Marrara, San Nicolò e Traghetto. Il percorso giunge alle splendide Valli di Argenta e Marmorta. Argenta – Bagnacavallo km 49 Bagnacavallo – Riolo Terme km 72 Riolo Terme – Ravenna km 76 Ravenna – Cervia – Ravenna km 82 Ravenna – Comacchio km 70 Si risale lungo la costa adriatica, si oltrepassa il fiume Reno e si costeggiano le Valli di Comacchio in un imperdibile appuntamento con il paesaggio di valle che permette di scoprire le atmosfere della natura e della fascinosa città lagunare di Comacchio. Comacchio – Mesola km 55 Dalla cittadina lagunare, capitale del Parco del Delta del Po, si attraversano i Lidi di Comacchio, la Valle Bertuzzi, l’Abbazia di Pomposa e si risale fino al Castello Estense della Mesola. Sul sito www.ferraraterraeacqua.it/cicloturismo.html sono scaricabili mappe stradali, Road Book, dati GPS e profilo altimetrico di tutti i percorsi in bicicletta. Il tracciato è visibile anche con Google Earth. Sempre dal sito www.ferrarainfo.com si possono scaricare gratuitamente le nuove guide ipod per pedalare accompagnati dalla voce narrante del paesaggio e della sua storia.

INFORMAZIONI TURISTICHE FERRARA: Castello Estense - IAT Tel: 0532 299303 Fax: 0532 212266 e-mail: infotur@provincia.fe.it www.ferrarainfo.com orario: feriale 9.00-13.00/14.00-18.00; festivo: 9.30- 13.00/14.00-17.00

Emilia Romagna Network Apt ServiziAppennino e VerdeEmilia Romagna TermeCittà d'Arte Emilia RomagnaCosta AdriaticaStrade dei vini e dei saporiEmilia Romagna TurismoMotor ValleyVisit Emilia Romagna